Tra i giovani una nuova cultura umanitaria

Intervista a Giovanni Anversa, presidente di giuria del premio letterario La scrittura non va in esilio.

 Un suo commento sul racconto vincitore

Il Gelato, il racconto vincitore di questa edizione del concorso, mi è piaciuto molto perché colpisce la capacità che una giovane studentessa ha di raccontare la realtà dei rifugiati che vivono in Italia.

Affronta il tema della comunicazione tra persone costrette a vivere lontane. Nell’era della tecnologia, per i migranti il telefonino e l’accesso a internet sono strumenti fondamentali del loro comunicare. Il gelato introduce questo elemento di novità.

Ha vinto un racconto che parla di un aspetto della vita quotidiana, senza cadere per una volta nella dimensione tragica della vita dei migranti.

Leggendo i racconti che idea si è fatto delle nuove generazioni ?

Da anni ormai leggo i racconti dei ragazzi e mi sembra di capire che anno dopo anno da parte loro c’è una sensibilità più accentuata, una maturità consapevole, aperta, che non rispecchia la strumentalizzazione che dei temi dell’immigrazione si fa nella società degli adulti.

Ragazzi attenti agli aspetti umanitari, alle condizioni terribili della guerra, delle carestie. Sono loro il segno che sta crescendo in Italia una cultura umanitaria.

D’altra parte vedo però che anche tra i ragazzi c’è il rischio della tendenza allo stereotipo.

Assorbono dai mass media concetti come  barcone,  trafficanti, clandestini, sbarchi e così come li sentono li riportano nei racconti.

Avviene in maniera meccanica, come se nella testa fossero entrati quei concetti che impediscono di capire la complessità del fenomeno.

Cosa si sente di consigliare a un insegnante?

Gli insegnanti dovrebbero avvalersi sempre più delle testimonianze dirette delle persone. Secondo me  è il miglior modo di coinvolgere i ragazzi nelle vicende umane. I giovani abbiano la consapevolezza che le migrazioni sono fatti storici e non solo un fenomeno di oggi e che pertanto non va letto solo con le lenti del contemporaneo.

Bisogna ristudiare la storia e la letteratura con un occhio più attento a questo fenomeno; offrire  chiavi di lettura fortemente incardinate nel percorso di approfondimento didattico. La testimonianza sia un elemento di suggestione da cui far nascere l’approfondimento culturale, non sporadico ma strutturale.

Quali secondo lei le speranze per i nostri giovani?

La parola speranza per dei ragazzi ha sempre un sapore che non mi piace: sa di fallimento.

Le speranze vanno riservate a chi si è giocato tutte le possibilità e non ha altro a cui affidarsi.

Parlare di speranze per i giovani è una mezza sconfitta. Bisognerebbe invece affezionarsi alla parola responsabilità. Responsabilità del cambiamento, del lottare per cambiare le cose.

Il mio augurio è di non tirarsi indietro mai dalle responsabilità, di aprire la mente, il cuore e di essere preparati, di essere pronti a fare fatica.

I ragazzi hanno bisogno di possibilità e di futuro. Hanno la vita davanti prima  di doversi accontentare di restare aggrappati a una speranza.

Donatella Parisi

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s