RIPARTENZA,MA NON PER TUTTI

In queste ultime settimane abbiamo parlato molto della fase 3 della pandemia, di riapertura, ripartenza e ri-presa. Sono molto suggestive le parole di papa Francesco nella Lettera ai movimenti popolari nel mondo del giorno di Pasqua, che descrivono una situazione che accomuna molte persone – tra queste migranti e rifugiati – sulle quali si è abbattuta la pandemia. «Molti di voi vivono giorno per gior-no senza alcuna garanzia legale che li protegga: venditori ambulanti, raccoglitori, giostrai, piccoli contadini, muratori, sarti, quanti svolgono diversi compiti assistenziali. Voi, lavoratori precari, indipendenti, del settore informale o dell’economia po-polare, non avete uno stipendio stabile per resistere a questo momento». Spesso, parlando di migranti e rifugiati, ci limitiamo a discutere della regolarità del loro soggiorno sul territorio europeo, ma avere un permesso regolare non sem-pre è garanzia di esigibilità di diritti. Le garanzie legali attraversano molti aspetti della vita: un regolare contratto di abitazione, un regolare contratto di lavoro (non solo per agricoltori, badanti e colf), bollette intestate al legittimo utilizzatore e si potrebbero fare tanti altri esempi. Vivere giorno per giorno senza garanzie legali significa vivere in una situazione di reale precarietà. È la prospettiva di molte famiglie che il coronavirus ha gettato in una condizione di povertà conclamata, specie molte famiglie di migranti e rifugiati. “I mali che affliggono tutti vi colpiscono doppiamente” diceva papa Francesco. Chi non ha garanzie legali si trova oggi doppiamente in difficoltà, perché alla crisi – che travolge tutti – va aggiunta la piaga dell’illegalità che rende molti ancora più invisibili e ai margini. Ora che è iniziata la ripartenza le persone più fragili rischiano di restare più indietro. Siamo tutti sulla stessa barca, ma su questa barca non sia-mo tutti uguali, le persone più vulnerabili hanno bisogno di un’attenzione maggiore. Non si tratta solo di mettere in atto azioni assistenziali, necessarie ma solo per una fase circoscritta, c’è bisogno di una reale inversione di tendenza progettuale e lungimirante, di politiche adeguate per quel che riguarda casa, lavoro, istruzione, salute; senza di queste non ci sarà una reale ripartenza per tutti.

Camillo Ripamonti sj

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s