I bambini e la Siria

 

Mi chiamo Mirvat sono un rifugiata siriana. Sono nata e cresciuta ad Aleppo, la mia bellissima città.
Oggi la mia casa, le strade, i parchi in cui ho giocato da piccola, la scuola, il liceo, l’università sono un cumulo di macerie senza alcun senso.

Radere al suolo Aleppo significa aver distrutto soprattutto sogni, ricordi, progetti e futuro di una generazione
di ragazzi e bambini che farà i conti per il resto della sua vita con l’odore, i rumori e l’orrore della guerra.

La guerra mi ha portato via tutto e solo per puro caso, a differenza di molti altri ragazzi, mi ha lasciato viva.

Siamo scappati con la mia famiglia perché non c’era altra possibilità. Le bombe erano sempre più vicine, il loro rumore ogni giorno più forte, la nostra paura sempre più insopportabile.
E così con mia madre, mio padre, mia sorella con il marito e suoi piccolissimi bambini ci siamo messi in cammino fino ad arrivare in Libano.

Oggi siamo rifugiati in Italia. Io ho ripreso a studiare all’università. Continuo a studiare lingue e letteratura. Ce la metto tutta ogni giorno per ritrovare un senso, farmi degli amici veri, per ritrovarci anche come famiglia. Il compito di ogni rifugiato è ricostruire ogni giorno un pezzo che la guerra ti ha portato via. Non è facile soprattutto se ti hanno strappato i sogni da bambina togliendoti la possibilità di provare a realizzarli o il diritto di cambiarli.

Mio padre ad Aleppo era uno scultore del legno, da un pezzo senza forma creava cose bellissime. Il suo mestiere era dare corpo a un’idea e a dei pezzi legno. Oggi è come se noi fossimo dei pezzi di legno a cui dover ridar vita. Vi assicuro che non è semplice e non è affatto scontato.

Philip, rifugiato siriano: in Italia posso ricominciare a sperare nel futuro

Mi chiamo Philip ed ho 37 anni. Sono di Aleppo, una grande città industriale nel nord della Siria.
Sono venuto in Italia 7 anni fa per studiare psicologia all’università salesiana dove tutt’ora continuo i miei studi.
Il mio primo anno è stato molto difficile perché dovevo studiare ed imparare l’italiano allo stesso tempo. Quando chiamavo la mia famiglia in Siria, loro mi dicevano di tenere duro perché in quel periodo la situazione ad Aleppo stava sempre più peggiorando.
La mia vita è cambiata quando una telefonata mi ha informato di una malattia che aveva colpito mio padre; ho sentito subito l’esigenza di tornare, dalla mia famiglia, ed offrire loro un po’ di conforto. Era la fine del 2008 e ho passato in Siria quello che io definisco 8 mesi di inferno. Sono arrivato a Beirut, in Libano, perché tutti gli aeroporti in Siria erano stati chiusi; da lì ho iniziato un lungo viaggio in autobus durante il quale ho potuto notare fin da subito come la mia terra era profondamente cambiata. Eravamo costretti a fermarci ad ogni check point, le strade erano sempre più difficili da percorrere.
Ad Aleppo ho finalmente riabbracciato la mia famiglia che ho trovato profondamente cambiata nell’animo: alla preoccupazione per la salute di mio padre si aggiungeva la forte ansia per quello che stava accadendo fuori dalla finestra di casa nostra. In ospedale la situazione non era di certo migliore: i medicinali scarseggiavano ed anche la ricerca di uno dei farmaci più semplici era davvero difficile; le condizioni igieniche erano pessime perché l’acqua calda non c’era e l’elettricità era presente solo qualche ora al giorno. Mio padre non riusciva a camminare e i calmanti per il dolore erano finiti.
Il 9 marzo 2009 mio padre è morto. Mi ritrovavo ora davanti ad un bivio: il 24 marzo di quello stesso anno mi sarebbe scaduto il visto studentesco che avevo ottenuto per studiare in Italia ed io dovevo decidere se restare o tornare a Roma. Ho parlato con i miei amici e con la mia famiglia per cercare consigli e sciogliere i miei dubbi; tutti mi dicevano di ritornare in Italia per non perdere il visto che avrebbe rappresentato per me, mia madre e mia sorella un’opportunità per fuggire.
Sono ripartito ma ogni giorno ero preoccupato per le condizioni in cui avevo lasciato la mia famiglia. La sentivo via skype e chiedevo sempre a mia madre se volevano raggiungermi a Roma dove avremmo vissuto serenamente e senza angosce. Mia madre era categorica: non voleva lasciare tutto, non voleva abbandonare la casa che aveva fatto costruire con mio padre e che con i loro sacrifici avevano ristrutturato recentemente. Mia sorella non voleva lasciare il suo lavoro nella complesso industriale di Aleppo per ricominciare in un posto per lei completamente nuovo.
La situazione è radicalmente cambiata nel giorno di Pasqua del 2015: questo giorno è ancora ricordato come la Pasqua nera. Una pioggia di missili ha bombardato il mio quartiere radendo al suolo intere palazzine e uccidendo molte persone che in quel tempo si stavano dirigendo verso la chiesa. Dopo molte ore sono riuscito a raggiungere telefonicamente mia madre che senza alcuna esitazione ha espresso la sua volontà di fuggire dalla Siria e raggiungermi in Italia insieme a mia sorella.
Mi sono subito attivato per trovare un modo sicuro per farle arrivare a Roma e solo con l’aiuto di un parroco sono riuscito ad ottenere un visto turistico per entrambe. Hanno affrontato un viaggio pericoloso fino a Beirut dove hanno raggiunto l’ambasciata italiana per ritirare il visto. Hanno preso il primo volo per l’Italia e ci siamo finalmente riabbracciati all’aeroporto di Fiumicino. Certo, le difficoltà che abbiamo trovato subito dopo il loro arrivo erano tante: mia sorella doveva imparare l’italiano ed ora lo sta facendo nella scuola del Centro Astalli e mia madre vive ogni giorno con la speranza di poter ritornare in Siria appena la situazione sarà migliore.
Sin dall’inizio mi sono rivolto a questo centro d’ascolto, in via del collegio romano, ed è proprio da qui che ho potuto ricominciare a sperare nel futuro mio e della mia famiglia. Grazie all’appello che Papa Francesco ha rivolto a tutte le parrocchie d’Italia, il Centro Astalli e il servizio di comunità di accoglienza ci hanno aiutato a trovare un rifugio. Ora viviamo tutti e tre insieme ed in pace.

#I get you: raccontiamo l’Europa che vogliamo

È stata lanciata lo scorso 20 aprile la campagna “I get you”, promossa dal JRS in nove Paesi europei nell’ambito del progetto BEST, finanziato dalla Commissione Europea. “I get you” in inglese significa “ti capisco, so come ti senti”. L’obiettivo è raccontare un’Europa accogliente, aperta, positiva e molto distante da quella che ci viene comunicata dalla politica attraverso esperienze innovative che vedano cittadini e migranti impegnati insieme in iniziative di accoglienza, socializzazione e valorizzazione della diversità.
Per i prossimi mesi attraverso la sezione italiana del sito multilingue http://www.igetyou-jrs.org si potranno segnalare iniziative di associazioni, gruppi di volontari, parrocchie ecc che abbiamo l’obiettivo di facilitare l’inclusione di rifugiati e migranti: corsi di italiano, gruppi sportivi, laboratori di arte e di cucina, esperienze di ospitalità… Per farlo si deve compilare un breve questionario online già disponibile sul sito, dando alcune informazioni essenziali sull’iniziativa, ma anche possibilmente brevi testimonianze dirette di rifugiati, migranti e cittadini che vi partecipano e fotografie che trasmettano l’idea del fare insieme, che è un po’ il cuore del messaggio della campagna.

Tanta ricchezza nell’incontro con i rifugiati. Presentato a Roma il XV Rapporto annuale del Centro Astalli

La presentazione del Rapporto annuale 2016 del Centro Astalli, lo scorso 19 aprile al Teatro Argentina, è stata l’occasione per celebrare i 35 anni di attività al fianco dei rifugiati.
Una mattinata ricca. Ricca di amici, di idee, di spunti, di parole. A P. Camillo Ripamonti presidente Centro Astalli, il compito di raccontare un anno con i rifugiati attraverso i dati raccolti nei servizi offerti a Roma e in altre 7 città italiane, con una nota di metodo: “Al Centro Astalli i numeri diventano volti di un’umanità in cammino. Di uomini e donne che meritano accoglienza e protezione”.
Ad aprire l’incontro il videomessaggio di auguri di Papa Francesco di ritorno dall’isola di Lesbo. “Siate sempre testimoni della bellezza dell’incontro, aiutate la società ad ascoltare la voce dei rifugiati, accompagnateli e fatevi guidare da loro. I rifugiati conoscono le vie che portano alla pace perché conoscono l’odore acre della guerra”.
Un regalo prezioso seguito dalle parole commosse di Céline, rifugiata dalla Repubblica democratica del Congo: “Oggi sono qui per due motivi: per fare festa con il Centro Astalli. Questi 35 anni per me sono come un compleanno di famiglia. Non sarei mai potuta mancare. Ma sono qui soprattutto in nome di tutti rifugiati. Il mar Mediterraneo e le sue isole non sono più le porte d’Europa. Sono diventate la sua vergogna più grande. L’indifferenza ci uccide più dell’odio”.
Romano Prodi con un discorso complesso e al contempo chiarissimo è riuscito a contestualizzare le parole di Céline in quadro geopolitico articolato.
Prodi, oggi inviato Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per il Sahel, ha dichiarato senza giri di parole: “L’immigrazione dall’Africa continuerà a crescere più o meno per tutto il secolo XXI. Sarebbe bene ragionare di immigrazione in maniera non ridicola come costruire muri di filo spinato alle frontiere, a beneficio dei media sensazionalisti e dei cittadini male informati da politici irresponsabili, o peggio deportando a carissimo prezzo (6 miliardi di euro!) i profughi in Turchia. Sarebbe bene, governare il processo”.
Ad introdurre l’evento, l’appello del Presidente Pietro Grasso: “Servono urgentemente canali umanitari. I morti nel Mediterraneo sono la nostra vergogna”.
A noi oggi il compito di dire ancora una volta grazie a chi ogni giorno si spende per accompagnare i rifugiati in un percorso fatto di tanti ostacoli e ancora troppo poche opportunità. Grazie ai volontari e agli amici che ci sostengono e ci incoraggiano.
Infine un grazie doveroso per la presentazione del nostro 15esimo rapporto annuale grazie a Marino Sinibaldi, presidente del Teatro di Roma e a Paolo Fallai del Corriere della Sera che ci consentono ogni anno di rileggere pubblicamente il lavoro di un anno con i rifugiati.

Donatella Parisi

Gambia: un popolo in fuga in cerca di protezione

Sono stati più di 8.500 i gambiani che, nel 2014, hanno presentato domanda di protezione internazionale in Italia. Da questo trend non sembrano discostarsi i dati più recenti, tanto che nel 2015 il Gambia è diventato il secondo Paese di origine, dopo la Nigeria, dei richiedenti asilo nel nostro Paese. Ma da cosa e da chi scappano questi giovani uomini? Da una Repubblica presidenziale che assomiglia molto a una dittatura. Il Gambia infatti è un piccolo Stato dell’Africa occidentale governato dal 1994 dallo stesso partito, l’Alleanza Patriottica per il Riorientamento e la Costruzione, e lo stesso uomo: Yahya Jammeh. Da anni organizzazioni internazionali e rappresentanti dell’ONU denunciano il regime di Jammeh di continue violazioni dei diritti umani.  Juan Mendez, relatore speciale per i diritti umani delle Nazioni Unite, dopo la sua visita in Gambia nel novembre 2014, ha riscontrato un utilizzo massiccio della tortura da parte della polizia investigativa e dei gruppi paramilitari vicini al Presidente, nonché diversi casi di sparizioni forzate a danno di attivisti e giornalisti. La situazione è addirittura peggiorata alla fine del 2014, quando a seguito di un fallito colpo di Stato, si è assistito a ulteriori restrizioni verso gli oppositori e gli organi di stampa e ad arresti arbitrari di donne, anziani e addirittura bambini.

Gli ultimi rapporti di Amnesty International e Human Rights Watch sottolineano come il governo gambiano continui a perseguire qualsiasi forma di dissenso, costringendo il Paese a vivere in un clima di paura e repressione, e ignorando palesemente tutte le raccomandazioni sul rispetto dei diritti umani formulate dalle agenzie regionali delle Nazioni Unite. Numerose sono le testimonianze di leader politici, studenti, attivisti, giornalisti arrestati e torturati dalla NIA (National Intelligence Agency). Particolarmente pericolosa rimane anche la condizione vissuta da omosessuali e transgender, soprattutto dopo la recente approvazione della legge che introduce il reato di “omosessualità aggravata” per il quale è previsto addirittura l’ergastolo.

Eppure per queste migliaia di persone che sbarcano in Italia, e che se tornassero nel loro Paese verrebbero subito arrestate per aver commesso il reato di “essersi resi irreperibili”, le porte dell’accoglienza rimangono sbarrate. Sono considerati “semplici migranti economici” e pertanto la maggior parte delle loro istanze di protezione viene respinta. Anzi in alcuni casi non riescono neppure a presentare domanda d’asilo poiché viene immediatamente notificato loro un provvedimento di respingimento differito che di fatto li esclude da qualunque circuito di accoglienza. Del resto la scorsa estate il governo italiano e quello del Gambia hanno stipulato un nuovo accordo bilaterale (dopo quello del 2010 che si inseriva nel più vasto sistema di relazioni bilaterali voluto dal ministro Maroni per contrastare l’immigrazione clandestina) per il controllo dell’immigrazione via mare. Le proteste della società civile e le interrogazioni parlamentari sui contenuti di tale accordo e su quali misure avrebbe preso l’Italia per garantire la sicurezza di migliaia di gambiani in fuga da un regime dittatoriale, non hanno ancora avuto risposta.

Emanuela Limiti

Un anno con i rifugiati. Il trentacinquesimo!

È stato l’anno in cui 60 milioni di rifugiati nel mondo si sono messi in cammino: il numero più alto dalla seconda guerra mondiale.

È stato l’anno in cui l’Europa, non potendo più distogliere lo sguardo dal calcolo impressionante di vittime nel Mediterraneo, ha mosso i primi timidi passi sulla via della consapevolezza che le migrazioni sono un fenomeno globale e complesso che richiede uno sforzo di coesione da parte di tutti gli Stati dell’Unione.

Il 2015 verrà ricordato come l’anno della progressiva chiusura delle frontiere e persino della confisca dei beni ai rifugiati nella civilissima Danimarca. Abbiamo dovuto prendere familiarità con una nuova parola di per sé già ostile e respingente: hotspot. Aree di identificazione dei migranti che in non poche occasioni si sono trasformate in zone franche dei diritti dove distinguere tra veri o falsi rifugiati in base al Paese di provenienza in barba a convenzioni internazionali e diritti umani.

A complicare tutto, oggi viviamo in un’Europa sconvolta dal terrorismo. Attacchi folli, odiosamente strumentalizzati in alcuni casi nell’iniquo tentativo di far coincidere terroristi e rifugiati.

Abbiamo preso coscienza di tutta la vulnerabilità della fortezza Europa di fronte alla logica del terrore. Soprattutto si sono smascherati decenni di mancata progettualità in ordine all’integrazione e alla costruzione di società inclusive.

Nel 2015 al Centro Astalli abbiamo continuato ad accogliere le persone. Lo abbiamo fatto forti di un’idea che ci guida da 35 anni: accompagnare servire e difendere i rifugiati è la via da seguire per ristabilire relazioni umane fondate su giustizia e dignità. È l’eredità che ci ha lasciato Pedro Arrupe, il nostro fondatore, e ce lo ha ricordato sapientemente il padre Generale dei Gesuiti Adolfo Nicolàs visitando la mensa lo scorso gennaio: “Grazie a voi rifugiati, perché ci aiutate a scoprire il mondo”.

La sfida dei prossimi anni, da affrontare insieme, sarà di riconoscere nei migranti una risorsa non solo economica ma soprattutto culturale. “Scoprire il mondo” è imparare a vivere della ricchezza che c’è nella diversità di cui i rifugiati oggi sono i principali maestri.

P. Camillo Ripamonti sj

“Morire di speranza” in memoria delle vittime dei viaggi verso l’Europa

 

 Cari fratelli e sorelle,

domenica scorsa, piazza Santa Maria in Trastevere e questa splendida Basilica erano gremite di gente in festa, per salutare e ricevere il caloroso abbraccio di Papa Francesco, in visita alla Comunità di Sant’Egidio. Erano presenti esponenti di diverse confessioni religiose, persone provenienti da tutti i continenti e tutto il popolo di Sant’Egidio: immigrati, anziani, disabili (rom, ex detenuti, i senza fissa dimora). Portiamo nel cuore il momento di preghiera, le Parole del Santo Padre e le toccanti testimonianze di Rom, di profughi e di rifugiati.

Questa sera, in memoria delle vittime dei viaggi verso l’Europa, vorrei iniziare dando voce a una breve testimonianza di una piccola rifugiata. Sono le parole di Jamila, una bambina siriana di 10 anni:

La spiaggia è affollata.

Non vedo che schiene e gambe di adulti.

I grandi sono accalcati e impauriti.

Mamma mi stringe forte a sé assieme a mia sorella.

Ho paura.

Saliamo a bordo e la barca parte.

Inizia con questo sentimento di paura la via crucis di tanti bambini, di donne e uomini innocenti, a bordo di carrette del mare. In preghiera, gli uni accanto agli altri, rispondiamo al caloroso invito della Comunità di Sant’Egidio che anche quest’anno, insieme con le ACLI, la Caritas Italiana, la Fondazione Migrantes e il Jesuit Refugee Service, ci ospita in questa Basilica per fare memoria di fratelli e sorelle travolti dalle onde del mare.

Il “Mare Mediterraneo”, che letteralmente significa “centro del mondo”, che da sempre rappresenta un crocevia di popoli e di culture, si è trasformato in questi ultimi anni in una drammatica rotta verso l’Europa, in una mappa segnata negli abissi da croci invisibili di innocenti, che hanno perso la vita su quelle “barche che invece di essere una via di speranza sono una via di morte”.

Stasera, ricorderemo per nome chi aveva il diritto di trovare un futuro migliore, ed invece è stato condannato dall’indifferenza umana a perdere la propria vita in mare.  Con le parole di Papa Francesco a Lampedusa “chiediamo perdono per l’indifferenza verso tanti fratelli e sorelle, ti chiediamo Padre perdono per chi si è accomodato e si è chiuso nel proprio benessere che porta all’anestesia del cuore, ti chiediamo perdono per coloro che con le loro decisioni a livello mondiale hanno creato situazioni che conducono a questi drammi” e rende le persone “insensibili alle grida degli altri”. Sono drammi che potevano essere evitati. Si tratta di tragedie annunciate da ormai troppo tempo e difficili da affrontare nella loro complessità; ma la speranza di una vita decorosa e di un futuro di libertà per sé e per la propria famiglia merita soluzioni che impegnino l’Europa a difendere i diritti umani e la dignità dei migranti, dei rifugiati e dei richiedenti asilo.

Ancor prima di rischiare la vita alla mercé di scafisti senza scrupoli, il viaggio della speranza inizia via terra per coloro che fuggono da situazioni di guerre, di persecuzioni, di torture e di estrema povertà. Sono rifugiati e richiedenti asilo somali, eritrei, sudanesi, afgani, siriani di tutte le età, con un bagaglio enorme di sofferenza. Camminano per settimane anche attraverso il deserto e affrontano tanti pericoli di morte, per raggiungere imbarcazioni di fortuna sulle coste africane. Sono dolorose le immagini di barconi  in avaria, sovraffollati di uomini e donne, con tanti bambini. I più piccoli sono bimbi di pochi mesi, o di pochi anni, i più grandi sono adolescenti. Piccole testoline, una accanto all’altra, impaurite, stremate, che sempre più numerose fuggono dalla guerra in Siria. Arrivano disidratati, stanchi e con i vestiti bagnati. Un’odissea per i più piccoli che non finirà una volta portati in salvo nei nostri porti, dalla Marina militare. Anche per loro, il futuro rimane incerto. L’Italia, infatti, rappresenta solo una tappa e questi bambini, spesso non accompagnati, rischiano di cadere vittime nelle reti della criminalità organizzata mentre si fanno strada verso i Paesi del Nord per ricongiungersi con parenti o conoscenti.

Preghiamo insieme il Signore, misericordioso e pieno di amore perché nessuno rimanga indifferente all’accoglienza di questi fratelli e sorelle, alla custodia della loro dignità e del loro diritto alla protezione internazionale.

Obbedienti alla volontà del Padre, sorge, pertanto, spontaneo chiederci: siamo capaci di custodirci gli uni con gli altri? Siamo capaci di amare e di ospitare lo straniero, nella pratica della fede così come Dio lo ospita nel mondo e lo salva nella sua misericordia?

Misericordioso è colui che apre il cuore e permette all’altro di rigenerarsi, di sentirsi a casa sua, di prendere fiato e di fare l’esperienza che c’è qualcuno che condivide con lui la propria storia. L’ospitalità non è un dovere ma un diritto degli altri verso ognuno di noi, è un evento della grazia del Signore. Dio ci onora di visitarci e di farsi accogliere inviando presso di noi una sua immagine, quella del migrante e del rifugiato.

Fedeli alla Parola del Signore siamo chiamati ad accogliere questi fratelli e sorelle con il saluto del Risorto: “Pace a voi!” (Luca 24, 37).

Fratelli e sorelle, diffondiamo la cultura dell’accoglienza e dell’ospitalità dei Paesi del Mediterraneo, perché questo mare Nostrum diventi un simbolo di pace, un luogo di alleanza tra gli uomini contro ogni diffidenza ed estraneità. Dove possiamo udire l’eco di espressioni di saluto, di incontro e di pace come: Shālôm, salâm alaykum (la pace sia su di voi). Pax vobiscum, la pace sia con voi!

 

Discorso pronunciato dal Cardinal Antonio Maria Vegliò, Presidente del Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti, in occasione della preghiera ecumenica “Morire di speranza” che si tenuta a Roma nella Basilica di S. Maria in Trastevere lo scorso 22 giugno 2014